Accumulate grasso in particolare sull’addome e fate fatica a perderlo? Oppure lo recuperate facilmente?

Schermata 2014-10-06 alle 21.48.36

Potreste avere un problema d’insulino-resistenza.
L’insulina è l’ormone che permette di regolare i livelli di glucosio nel sangue. Semplificando, immaginate di avere due individui, un primo con una glicemia di 90 e un’insulina di 4, e un secondo con la stessa glicemia ma insulina 19. Ora trasformiamo la glicemia in cassette di zucchero e l’insulina in vagoni. Per portare 90 cassette di zucchero, il primo avrà bisogno di 4 vagoni mentre il secondo di 19 vagoni. Quindi una notevole quantità di vagoni (insulina) sarà necessaria per gestire la stessa quantità di zucchero. Questa condizione è definita insulino-resistenza. Come potete immaginare, per riempire 4 vagoni sarà necessario minor tempo che riempirne 19, lasciando per più tempo le cassette di zucchero a terra e più vagoni liberi. Lo zucchero libero (glucosio) andrà a danneggiare alcune strutture del corpo, mentre i vagoni liberi (insulina) andranno a mettere in circolo maggiore quantità di grassi liberi che si depositeranno nel grasso e nel fegato, l’eccesso d’insulina inoltre andrà a generare una cascata di eventi sfavorevoli per l’organismo (vedi foto di seguito), finché non saranno normalizzati i valori d’insulina. Diversamente dal diabete, l’insulino-resistenza è una condizione in cui l’organismo ha ancora le condizioni per ritornare ai suoi valori fisiologici, seppur il rischio di diabete risulta aumentato se questa condizione persiste nel tempo.

Continua a leggere

Per una migliore salute hai dosato la tua vitamina D nel sangue?

La vitamina D2 presente nell’organismo, viene prodotta in forma attiva come D3, grazie all’esposizione solare (raggi UVB). In caso di scarsa esposizione o nelle stagioni fredde si può andare incontro alla sua carenza. Le fonti alimentari comuni: pesci grassi, burro, tuorlo d’uova, formaggi e latte intero.

La ricerca scientifica ha dimostrato importante la vitamina D per:

La prevenzione di osteoporosi e per ossa più solide: è la sua funzione nota, infatti, la vitamina D, risulta fondamentale per il benessere delle ossa. Aumenta infatti, la loro densità età giovanile ha dimostrato rendere più solide le ossa riducendo il rischio di frattura.

Continua a leggere

Causa comune di molte malattie, l’infiammazione: come scoprirla e controllarla?

cellule

L’infiammazione cronica è causa e concausa comune di molte malattie, spesso silente e non riconosciuta danneggia arterie, organi, sistema nervoso, ossa, tendini, fino a portare a danni irremediabili che si manifestano in diverse malattie cronico-degenerative.

Spesso sottovaluta o non conosciuta dalla medicina moderna, viene lasciata inconsapevolmente ad operare negli anni nell’organismo con effetti devastanti.

Cosa può generarla?

– La suscettibilià genetica all’infiammazione a seconda delle variabilità genetiche che portiamo nel nostro genoma. Con un semplice test geneticopossiamo sapere come ci infiammiamo.

– L’Infezioni virali croniche (Epstain virus, Citomegalovirus , Herpes virus, Virus delle Epatiti, ecc..). 

– L’alimentazione, quando si abbonda in consumo di carni rosse, grassi idrogenati (che occorrerebbe evitare completamente), zuccheri, carboidrati raffinati, formaggi, salumi, scarso consumo di pesce azzurro, frutta e vegetali.

Continua a leggere